Eliminare i carboidrati? Certo che no!

Spesso accade che un po' per sentito dire, un po' per convinzioni basate su credenze errate, tra i primi nutrienti che eliminiamo dai nostri pasti, ci sono i carboidrati. Un piccolo grande errore da non commettere se hai deciso di perdere peso. Questa scelta poco corretta si riflette in una serie di aspetti negativi, vediamone subito alcuni


Aumentano gli attacchi di fame


Una regolare assunzione di carboidrati, abbinata nel modo corretto, favorisce il senso di sazietà

Primo fra tutti la mancanza di carboidrati aumenta il senso di fame e porta quindi alla ricerca costante di cibo. Va da sé che se il nostro obiettivo è dimagrire, in questo modo otteniamo l'effetto contrario.
Infatti riso, pasta, pane, legumi contengono carboidrati complessi a digestione lenta che aumentano il senso di sazietà. Inoltre, un ridotto apporto di carboidrati complessi causa una diminuita capacità di sintesi della serotonina, anche detto ormone della felicità - favorisce il rilassamento e concilia un sonno sereno.


Difficoltà di concentrazione


Meno zuccheri per il cervello meno concentrazione
carboidrati devono rappresentare circa il 50% del fabbisogno giornaliero, per assicurare la giusta concentrazione dei livelli di glucosio presenti in circolo. Ciò assicura anche l'adeguato apporto di energie per un ottimale funzionamento del cervello; invece diminuendo o addirittura eliminando i carboidrati, otteniamo soltanto un rallentamento del metabolismo. Tutto ciò che introduciamo con il cibo, andrà conservato nei depositi lipidici. 


Un’alimentazione priva di carboidrati

è sconsigliata anche nei soggetti diabetici e con malattie cardiovascolari, perché i carboidrati complessi vanno a migliorare sia il profilo glucidico che il profilo lipidico, riducendo il rischio di infarto, ictus, obesità. Può portare stitichezza, perché si elimina l’apporto di fibre contenute nei carboidrati che hanno l’effetto di aumentare il transito intestinale. Altro motivo per non eliminare i carboidrati dall'alimentazione è il loro contenuto di nutrienti, basti pensare ai carboidrati portati con l’assunzione di frutta e verdura che sono ricche di vitamine e Sali minerali necessari per la funzionalità dell’intero organismo.